4B: Non vogliamo più avere paura!

Progetto: La violenza contro le donne

Com’è sicuramente noto a molti, il 25 novembre è stata la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. La classe 4B del liceo linguistico in lingua tedesca di Merano ha iniziato a lavorare ad un progetto con l’intento di mettere a fuoco questo argomento.

Uno spot contro il femminicidio

Finalmente online il video dei ragazzi della ex 4B che introduceva la serata di lettere tratte dal libro "Ferite a morte" di Serena Dandini nell'ambito del progetto.

 

 

 

Siamo tutte rose Incontro con il vicequestore di Merano
Cartina di Merano: i luoghi della paura Dove e perchè abbiamo paura di sera?
Proposte Incontro con l'assessora alle politiche femminili di Merano
Le spose bambine Degas: Lo stupro - descrizione di un dipinto
L'articolo dell' Alto Adige (15/01/2013)  
Le 4 facce della violenza: incontro col Centro Anti-violenza Alto Adige (3/3/2013) - La 4B in Tribunale
New! L'articolo dell'Alto Adige (21 maggio) Dietro le quinte di "Ferite a morte"
New! Encomio della Presidente Boldrini (04/06/2013) E-mail della Presidente Boldrini  
New! Intervista in diretta sul progetto - Greenwich 08.06.13 (podcast rai.bz) Lettere al Direttore Alberto Faustini (Alto Adige)

   

Lo spunto è venuto assistendo alla relazione di una studentessa sul libro “Uomini che odiano le donne”.

Dopo la proposta dell’insegnante, la classe ha subito iniziato a lavorare all’iniziativa, contribuendo con ricerche, cartelloni e proposte varie. L’entusiasmo per questo lavoro è nato soprattutto dall’attualità dell’argomento. Si parla soprattutto di violenza psicologica e fisica, lesioni, ferite e addirittura morti causate dai loro uomini o ex uomini.

La classe 4B ha aderito al progetto, perché pensa che nelle scuole gli argomenti come questo vengano trattati troppo poco e quindi ha il desiderio di cambiare e migliorare le cose, iniziando da Merano.

Le ragazze hanno spiegato i loro sentimenti quando si trovano da sole per strada di sera, al buio. Sono state nominate sensazioni come l’inquietudine, il nervosismo, la sensazione di solitudine, lo stare all’erta, il sentirsi indifese, il dover essere vigili…

I ragazzi hanno proposto delle tattiche da prendere in considerazione: passare per strade illuminate, evitare i parchi bui, andare in giro in compagnia.

È stato chiesto al giudice penale di Merano, il Dott. Stefan Tappeiner, di simulare un processo di stalking. Questo si terrà a gennaio. Un altro incontro si terrà dopo natale con la responsabile del centro antiviolenza di Merano Sigrid Pisanu. Questo martedì la classe prenderà in mano la situazione, andando dall’Assessore delle politiche femminili per esporre i risultati delle ricerche e magari proporre qualche miglioramento fattibile, come una maggiore e migliore illuminazione delle strade buie. Dopo la proposta dell’insegnante, la classe ha subito iniziato a lavorare all’iniziativa, contribuendo con ricerche, cartelloni e proposte varie. L’entusiasmo per questo lavoro è nato soprattutto dall’attualità dell’argomento. Si parla soprattutto di violenza psicologica e fisica, lesioni, ferite e addirittura morti causate dai loro uomini o ex uomini.

 

Letteratura sul tema trattato